Parco naturale di Dobratsch -Villacher Alpe (versione invernale)

Una splendida camminata in alta quota alla scoperta della bellezza incontaminata della Villacher Alpe, a pochi chilometri da Villach in Austria.

Avvicinamento:

Superato il valico di confine con l’Austria da Tarvisio, si prosegue in direzione di Villach. Poco prima del centro commerciale Atrio, all’ingresso di Villach, si trovano le indicazioni per la Villacher Alpenstrasse. E’ una strada panoramica lunga circa 16,5 km (a pagamento da metà aprile a metà novembre) e la si percorre tutta fino ad arrivare all’ultimo parcheggio, il P11 (a pagamento anche d’inverno) nei pressi del Rosstrattenstuberl a 1733 m. Qui inizia la camminata.

Dislivello, tempi di percorrenza, punti di appoggio:

La camminata fino alla cima del Dobratsch (2166 m) è lunga circa 8,4 km a/r; tempo di percorrenza in inverno con neve 1 ora e 45 circa (solo andata), dislivello 470 m.

Punti di appoggio: il rifugio di partenza Rossentrattenstuberl (aperto anche d’inverno) e il rifugio di vetta, il Dobratsch Gipfelhaus aperto tutto l’anno dove scaldarsi e mangiare i piatti tipici della Carinzia.

Camminata adatta a:

Camminata facile senza nessuna difficoltà quindi adatta a tutti purchè abituati, soprattutto in inverno, all’alta quota e al clima che può essere molto freddo e richiedere un abbigliamento tecnico adeguato (anche l’utilizzo delle ciaspole o ramponcini).

Descrizione:

Il Monte Dobratsch, con i suoi 2166 m, è la cima più alta della Villacher Alpe ed è la montagna simbolo di Villacco. Si trova tra la valle della Drava e del Gail e tutto l’alpeggio, sia d’estate che d’inverno, offre la possibilità di numerose passeggiate in alta quota per famiglie e per alpinisti. Dal 2002 è stato istituito come parco naturale, il primo della Carinzia: si tratta di una zona protetta allo scopo di preservare paesaggi incontaminati, la flora e la fauna caratteristica del luogo.

La camminata fino alla cima del Dobratsch parte dal Rossentrattenstuberl, l’accogliente rifugio collocato accanto al parcheggio P11. Alla partenza si trova un grande cartello di legno indicante il rifugio di vetta con i tempi di percorrenza.

La passeggiata si sviluppa lungo il versante orientale su una comoda strada forestale (la Panoramaweg 291) che in inverno è innevata ma sempre ben battuta, quasi come una pista da sci. Questo itinerario è molto frequentato dagli austriaci in tutte le stagioni, anche e soprattutto in inverno perché, nonostante la quota elevata, è un percorso facilmente accessibile anche ai più piccoli che si divertono, al ritorno, a scendere in slitta.

La strada sale a tornanti con pendenza moderata ed è sempre esposta al sole. Man mano che si guadagna quota, il panorama che si apre è meraviglioso: lo sguardo spazia a 360° sui monti Tauri a Nord e sulle Alpi Giulie a Sud.

In prossimità della vetta spicca la grande antenna del ripetitore e il rifugio Gipfelhaus, ristrutturato e aperto tutto l’anno, l’ideale per riposarsi e ristorarsi dopo la camminata sulla neve.

Da segnalare, poco distante dal rifugio, la caratteristica Knappenkirche “Maria am Stein”, la chiesa alla più alta quota d’ Europa (2152 m).

Il rientro avviene lungo lo stesso percorso dell’andata.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...