Straninger Alm

Un semplice itinerario – fattibile anche con passeggino da trekking- che fa parte del sentiero tematico dei malgari nell’ambito della Via delle Malghe Carniche che unisce Italia e Austria.

Avvicinamento:

Da Paularo si sale per 11km lungo la stretta rotabile che conduce al Passo di Cason di Lanza. Superato il ponte sul Chiarsò, si sale con una serie di tornanti in direzione di Casera Ramaz e successivamente Malga Meledis Bassa. Si prosegue ancora fino ad arrivare a Malga Valbertat Bassa-Agriturismo “Al Cippo” (quota 1410m.) dove c’è lo spazio per parcheggiare. Da qui inizia la camminata.

Dislivello, tempo di percorrenza, punti di appoggio:

La camminata è facile e non impegnativa, infatti il dislivello complessivo (considerando i numerosi saliscendi) è di circa 350m. per 1 ora di cammino (6,4 km. totali, a/r).

Punti di appoggio: Straninger Alm, la malga di arrivo in Austria che è aperta da inizio giugno a fine settembre, ottime degustazioni tipiche austriache. 

L’azienda agrituristica “Al Cippo” (Valbertat Bassa) da cui si parte, è sempre aperta da giugno a settembre e si possono gustare ottimi piatti tipici della tradizione carnica.

Stagione consigliata:

Estate, inizio autunno

Camminata adatta a:

Passeggiata adatta a tutti, fattibile anche con un buon passeggino da trekking dato che si cammina sempre su comoda carrareccia sterrata (attenzione solo ad alcuni tratti un po’ ripidi).

Itinerario:

Lasciata la macchina nei pressi di Malga Valbertat Bassa, ci si incammina sul segnavia CAI 449.    Questo percorso, volendo, è fattibile anche con un fuoristrada perché la strada è aperta e percorribile anche da automezzi (ma noi ovviamente consigliamo di andarci a piedi!).

 Inizialmente la carrareccia, con un buon fondo di ciottoli, sale a tornanti in maniera piuttosto marcata fino ad arrivare ad un bivio (presenti cartelli e un tavolino con panche): noi proseguiamo dritti sulla strada sterrata che  scende in direzione della Malga Valbertat Alta che già si vede in lontananza. Poco prima della malga ignoriamo sulla sinistra le indicazioni che conducono a Malga Meledis Alta e continuiamo ancora dritti fino a raggiungere e oltrepassare Malga Valbertat Alta.

La passeggiata ora si sviluppa in falsopiano all’interno di un bosco e procede senza variazioni di pendenza significative. Un cartello ci fa capire che abbiamo superato il confine italiano e che ora continuiamo a camminare sul sentiero austriaco. Si raggiunge un ulteriore bivio segnalato da cartelli: noi manteniamo la sinistra fino ad arrivare ad un ultimo bivio con evidenti indicazioni sulla destra per la nostra meta. A questo punto mancano solo poche manciate di minuti e si vedrà sbucare l’accogliente malga austriaca, la Straninger Alm, collocata sul crinale meridionale della Valle del Gail a quota 1501m.

La malga si trova in una posizione strategica perché può essere facilmente raggiunta sia dall’Italia sia dall’Austria. Rappresenta inoltre una delle principali possibilità di pernottamento lungo l’Alta Via Carnica e la Via Alpina tra il Passo di Monte Croce Carnico e il Passo Pramollo. Da qui partono anche vari percorsi per mountain bike e ulteriori escursioni per raggiungere le cime Waidegger Hohe, Schulterkofel o Hochwipfel.

La Straninger Alm è gestita da un consorzio agrario dei villaggi limitrofi e svengono mantenute le tradizioni artigianali casearie. Ad esempio qui si produce il noto formaggio austriaco Gailtaler Almkase secondo un’antica ricetta  originale. La malga dispone di un piccolo spaccio dove è possibile acquistare specialità dell’alpeggio.

Periodo di apertura: inizio giugno/fine settembre. Il rientro avviene lungo lo stesso percorso dell’andata.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...