Anello di Pinzano al Tagliamento

Il punto di partenza di questo breve e piacevole percorso circolare è Pinzano al Tagliamento (Pn). Si può lasciare l’auto nel centro del paese vicino alla Posta dove c’è un piccolo parcheggio. Da qui, qualche metro più avanti, si imbocca Via Castello risalendola fino all’innesto con il sentiero CAI 822. La camminata da noi effettuata oggi è lunga circa 3,5 km per un dislivello di 200m.  Tempo di percorrenza -con bimbi camminanti- comprese le soste, 2 ore. Non percorribile con passeggino.

Il percorso è segnalato con molta cura da vari cartelli e, volendo, si può decidere di fare qualche variante (sempre segnalata) allungando così la camminata. La prima tappa dell’escursione è il Castello di Pinzano o meglio, i suoi ruderi collocati su un colle a quota 290m. : rimangono infatti solo un paio di arcate e le relative mura, ma in compenso il panorama che si apre sulla pianura, sul Tagliamento, il Monte di Ragogna e sulle Prealpi Carniche è molto bello. Qui sono presenti tavolini e panche di legno che invitano ad una piacevole sosta.

Dal castello abbiamo poi proseguito scendendo dalla parte opposta del colle seguendo le indicazioni per l’Ossario germanico del Col Pion fino ad incrociare la strada asfaltata: la si attraversa ri-immettendosi subito sul segnalato sentiero 822 che procede ora con vari saliscendi nella boscaglia accanto al corso di un piccolo rio che forma pozze e piccoli salti d’acqua. Seguendo sempre le indicazioni per l’ossario, si procede fino ad arrivare nei pressi di una postazione della Guerra Fredda e ad un punto panoramico sul Tagliamento e il Monte di Ragogna. Qui noi abbiamo fatto una piccola deviazione decidendo di scendere fino al sottostante ponte di Pinzano sul Tagliamento lungo un tratto che, seppur sicuro e attrezzato con passamano in corda, richiede comunque un po’ di attenzione soprattutto con i bambini. Il panorama merita sicuramente! Una volta risaliti, ci siamo nuovamente incamminati lungo il sentiero principale ed in pochi minuti siamo arrivati all’ampio spiazzo del Col Pion dove è collocato l’Ossario germanico: questa costruzione avrebbe dovuto onorare i caduti della Grande Guerra ma non fu mai terminata e oggi, a parte la grande facciata, è in rovina. Da qui abbiamo proseguito lungo strada sterrata che scende fino a congiungersi alla strada asfaltata. L’abbiamo percorsa per qualche metro verso destra percorrendo un ponte fino ad individuare una bella scalinata in legno con le indicazioni del percorso: è l’ultima “fatica”, infatti raggiunta la sommità della scalinata, girando a destra,  si attraversa ancora la strada asfaltata e in breve si ritorna verso il centro di Pinzano, al punto di partenza.

Punti di ristoro non ce ne sono lungo questo anello, ma a Pinzano ci sono diversi bar-trattorie dove potersi rifocillare.

Annunci

1 Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...